Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
Mi presento...
Sulle Orme del Karma
01. Astrologia Karmica
02. Astrologia dell'Anima
03. Astrologia e Indiani
04. Segno per segno
07. OROSCOPO 2010
08. Maestri di se stessi
09. Le azioni degli Uomini
10. Indiani d'America
11. Archeologia Esoterica
12. L'argomento della settimana
13. La Voce del vento
16. wwNw
17. BIBLIOGRAFIA E FONTI
BACHECA
Il SurjaForum



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
02. Occhio, malocchio e semi di finocchio...

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
Occhio, malocchio e semi di finocchio…
Ecco, cari amici, come vi avevo promesso, l’intervento sulla “parola che uccide”, sulla malevolenza che ci arriva attraverso la parola e che è capace di farci cambiare umore, farci allineare con ciò che la malevolenza stessa voleva.
Intervento un po’ scherzoso, ma fondamentalmente serio, molto serio, perché la parola è energia, capace di creare o distruggere mondi.

La parola, per creare piacere o disagio, deve avere, naturalmente, un emittente ed un ricevente.
Se il ricevente è centrato, è emozionalmente consapevole, allora i danni saranno minori, e le strategie dietro la parola dell’emittente ci saranno chiare.
La cattiveria, la malevolenza, che nascono da emozioni negative, sono problemi suoi, ci diremo.
Chi parla potrà allora essere mandato a quel paese, mentalmente o verbalmente, potrà avere risposte ironiche, o essere oggetto di comprensione, fino alla compassione.

Il problema è che le parole vanno spesso a colpire le nostre meccaniche mentali che vanno ad innestarsi su punti deboli.
Il malevolo sa dove colpire, e se per caso non lo sa, ci pensa la nostra mente a creare disastri, risvegliando memorie dormienti, riaprendo antiche ferite, vivificando complessi.

A questo proposito, come cornetto di corallo, vi consiglierei di leggere il libro di Fiorella Rustici Fai funzionare bene la mente, Ed. Macroedizioni.

Ed ecco che con la menzione del "corno di corallo", entriamo nel mondo degli amuleti, delle pietre, delle difese energetiche, che sembrano magia, a volte grossolana, ma che hanno una spiegazione nelle leggi dell’energia.
Gli Indiani d’America, per esempio, erano intoccabili dalla magia nera attraverso gli amuleti che portavano al collo, oggetti, minerali, pietre, come il corallo, che effettivamente avevano una carica positiva, difensiva, ma che venivano caricate dalle aspettative, dalla sicurezza di essere protetti…ecco che ancora una volta la mente faceva barriera, attraverso un oggetto che così diveniva magico.

Ecco che allora la prima difesa è la consapevolezza che niente ci può toccare, se noi non lo permettiamo, se non apriamo le porte, mossi dai nostri squilibri emozionali.
Il nostro primo amuleto deve essere la centratura emozionale.

Difendiamoci anche sul piano prettamente energetico, e qui vi do in miscellanea tutti i rimedi che ho appreso, anche da sciamani seri, per difenderci dalle energie negative, che si appiccicano addosso come umore vischioso, e che diminuiscono le nostre difese immunitarie.

Per prima cosa, evitiamo di farci coinvolgere nelle lamentele infinite, ripetitive, di persone che si aggrappano addosso come sanguisughe energetiche, che non cercano consigli o sostegno ma energia da succhiare.
I Buddisti, di cui non possiamo sospettare mancanza di compassione, dicono, in queste situazioni, “scappate, andatevene”.
Non ci facciamo prendere da sensi di colpa, l’inutile “uncino che rode”, come dicono gli Indiani d’America dell’emozione che ci rende impotenti.
Queste persone non cercano aiuto psicologico, poiché non vi ascoltano, ma vogliono solo procurarsi una bella coppa di energia, sottratta al vostro “patrimonio energetico”.
Se siamo centrati, riconosceremo subito questi vampiri, e non li confonderemo certamente con chi ha bisogno di uno scambio di opinione o di un sostegno.

Se dobbiamo recarci in luoghi “negativi”, sia per l’energia che vi risiede, e che, se cominciate a “guardare e sentire” riconoscerete a pelle, che per quella delle persone che vi risiedono, anche solo per il numero e l’eterogeneità, non vestite di nero.
Il nero attrae, e conserva le vibrazioni negative.
Il bianco è il colore che le respinge, e non a caso gli abiti di tanti maestri erano e sono bianchi.
Alcuni luoghi pubblici, per esempio, sono dipinti in colori micidiali, come per esempio il tribunale di Napoli, di nuova costruzione, elegante certamente, ma dipinto di tutti i colori del grigio, colore della paura, della depressione, costruito con materiali che ne ampliano le vibrazioni.
Che fare allora?

Ebbene, in tutte le situazioni simili, o se abbiamo incontrato persone di cui sentiamo ancora gli agganci viscidi, al ritorno a casa facciamo una bella doccia, o un ricco bagno.
Naturale, direte voi, ma sono gli ingredienti che cambiano.
Non bagno schiuma ma una bella ciotola di sale grosso, da cospargere addosso, strofinando - senza togliere la pelle! - lasciando scorrere via le scorie, sentendo che vengono via, che scivolano con l’acqua…
Se preferite il bagno, il sale deve essere almeno mezzo chilo, meglio un chilo.

Se sentite che l’aggressione è stata forte, allora vi passo la dritta che mi ha dato uno sciamano afrobrasiliano.
Ancora la doccia, e mezzo litro di latte caldo in cui è stato sciolto abbondante zucchero, almeno cinque cucchiaiate…e non temete se siete a dieta o con un po’ di diabete: il latte va fatto scorrere sulla pelle, e lo zucchero “afferrerà” le scorie, le porterà via con sé, con la salvifica acqua purificatrice.
Forse perciò la tanto odiata Poppea faceva il bagno nel latte…
Se usate i fiori di Bach, potreste usare qualche goccia di Crab Apple, massaggiando sul plesso solare, o di gelsomino, se usate gli oli essenziali.

Questo dopo che i ganci energetici sono giunti a segno.

Ma noi possiamo fare un’opera di prevenzione, e impedire che i ganci ci raggiungano.
Dobbiamo usare la mente, e questa volta a buon fine.

Cominciamo dai cristalli di protezione.
Corallo, quarzo fumé, andalusite chiastolite, tormalina nera…come vedete tutti cristalli del primo Chakra, dove si annida la paura.
Se abbiamo paura, la nostre vibrazioni sono basse, raccolgono le paure dell’inconscio collettivo, permettono al basso astrale di entrare in una corazza energetica poco protettiva.
Se impariamo a compiere i Sette Passi, se vibriamo più in alto sulla scala dell’evoluzione psicologica e spirituale, allora la paura si scioglierà, non potrà più raggiungerci.
Le pietre saranno solo un piccolo aiuto amico, staranno lì a ricordarci di non cedere, di non tornare indietro, nel “Gioco dell’oca” che è la vita.
Un’altra pietra da portare addosso è il quarzo rosa, questo come curatore del cuore, perché nel cuore si annidano le ferite che la nostra mente va a risvegliare, riaprendole.
Rinforziamo il nostro cuore amandoci, questo ci dice la pietra, e allora la cattiveria non ci toccherà, ritornerà indietro.

Passiamo poi agli scudi mentali di protezione.
In piedi, in un luogo tranquillo, in un momento di silenzio, rilassati e fiduciosi, facciamo scendere dall’alto, con gli occhi della nostra mente, una pioggia di cristalli che intesserà intorno a noi una cappa di cristallo protettiva, luminosa e respingente, rassicurante e trasparente, che non farà passare nulla che possa nuocerci, e che durerà, come le altre protezioni, alcune ore.
Oppure, se dobbiamo affrontare persone nocive, prima dell’incontro, rilassiamoci e con gli occhi della mente costruiamo, con il nostro respiro, un grande cristallo di protezione, una lastra che coloreremo di azzurro con le nostre espirazioni, fino a che non avrà raggiunto un colore compatto e vivo.
Una tecnica di protezione per operatori dell’energia è il tracciare una croce sul plesso solare e sul cuore, uguale a quella della religione cattolica, ma completandola tracciando un cerchio intorno ai bracci, partendo dal punto destro, l’ultimo punto della croce, e scendendo in basso.
Così tocchiamo tutti e quattro i punti della Croce delle Direzioni, i quattro Punti del nostro equilibrio di uomini, al cui centro c’è la coscienza, o dio, e li proteggiamo con il cerchio.
Croce e cerchio simbolo antichissimo delle energie vitali e divine.

Un ultimo, piccolo, personale consiglio, è il divertimento davanti a parole malevole.
Una risata e l’ironia sono il migliore antidoto alla magia oscura della parola cattiva.
Quando una persona ci investe con critiche non richieste, malevole e gratuite, allora chiediamoci qual è il sentimento che le fa nascere.
Ci accorgeremo, sempre, che è la gialla e viscida invidia, che rode il cuore, e che è sempre il movente di azioni malevole.
Se rimaniamo distaccati, avremo carpito il segreto del malevolo di turno, il suo punto debole, mentre lui cerca di colpire il nostro, e potremo fare una risata, interna o aperta, che puntualmente irriterà terribilmente chi si aspettava la “normale” reazione di condizionamento…
Se rimarremo distaccati, potremmo comprendere qual è il dono, la qualità che muove ad invidia, e persino sentircene gratificati.

Poi, così gratificati, e divertiti, facciamo un passo di crescita nell’evoluzione della nostra consapevolezza: chiediamoci perché, in altre circostanze, quella critica ci ha ferito, perché ha provoca sofferenza, che cosa è andata a colpire, e proponiamoci di lavorare su quanto abbiamo scoperto, con tutti gli strumenti che possiamo.
Ed ecco che allora il maldicente sarà divenuto un amico Karmico, contrariamente alle sue intenzioni…

Chi sono, astrologicamente, i più predisposti alle conseguenze della maldicenza?
La risposta è impossibile se non conosciamo la carta natale personale, anche se possiamo dire che Sagittario e Pesci sono i più “creduloni” in quanto Gioviani, poiché sono le nostre ferite primarie a renderci fragili e vulnerabili.
Sono le ferite a Luna e Venere, ai valori Cancro, alla Quarta Casa, a Marte, è la Luna Nera in Pesci o in Cancro, a renderci più esposti a questi astuti nemici.
Curiamo con amore le ferite, antiche, che la nostra carta natale ci segnala, e lasciamo questi maligni fruitori di un cattivo Mercurio delusi e a bocca asciutta…e sorvegliamo anche noi, attentamente, la nostra parola.
© E.Fossi - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare questo testo, anche parzialmente, senza autorizzazione.
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.


Non dimenticare di iscriverti alla NewsLetter di questo sito!


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.